ALLA SCOPERTA DELLA VERDURA…GLI ASPARAGI

Gli asparagi (Asparagus Officinalis) sono ortaggi tipici della primavera, teneri e gustosi con numerose proprietà benefiche.

Possono essere selvatici, la cui crescita deriva dalle radici della pianta principale, o coltivati, in Europa la coltivazione iniziò oltre mille anni fa.

Si distinguono diverse varietà di asparago a seconda del colore e del sapore:

 

l’asparago bianco: non ha colorazione perché germoglia nella terra ed ha un sapore delicato;

l‚Äôasparago violetto: √® un asparago bianco che riesce ad uscire dalla terra ed iniziando il processo di fotosintesi assume la tipica colorazione lilla, ha un sapore pi√Ļ amarognolo;

l‚Äôasparago verde: germoglia alla luce del sole e la presenza di clorofilla dona il colore caratteristico. I suoi germogli sono quelli pi√Ļ utilizzati in cucina e sono caratterizzati da un gusto forte e dolciastro;

l’asparago rosa di Mezzago De.CO (Denominazione Comunale): è un asparago molto simile al bianco coltivato a Mezzago (MB), il colore caratteristico deriva dal terreno in cui cresce, argilloso, e con una particolare presenza di minerali ferrosi.

 

Le varietà di asparago sono accumunate dalle medesime proprietà nutrizionali tra cui la buona quantità di fibra e il ridotto apporto calorico (20 kcal per 100g). Inoltre gli asparagi sono ricchi di vitamine: vitamina C che aiuta a rafforzare le difese antiossidanti dell’organismo, carotenoidi con un’azione protettiva per il benessere della pelle e delle mucose, e vitamine del gruppo B.

Contengono numerosi sali minerali come calcio, fosforo, potassio, cromo e ferro, l’assorbimento di quest’ultimo è facilitato con l’aggiunta nel pasto di una fonte di vitamina C come ad esempio limone o una spremuta di agrumi.

Grazie alla presenza dell’asparagina, gli asparagi possono migliorare le funzioni renali accelerando la diuresi ed eliminando i sedimenti.

 

Idea per un primo piatto: farfalle con asparagi e zafferano!

In una pentola, portare ad ebollizione abbondante acqua in cui procedere con la normale cottura delle farfalle.

Intanto lavare e pulire gli asparagi, eliminando la parte bianca inferiore. Lasciando intera la punta di ogni asparago, tagliare a rondelle la parte inferiore e rosolarle con uno spicchio d’aglio e olio extravergine d’oliva.

Cuocere gli asparagi fino a che non saranno teneri aggiungendo un goccio d’acqua, sale, pepe a piacimento.

Non appena le farfalle saranno cotte, scolarle e saltarle in padella con gli asparagi, panna e zafferano.

Servire aggiungendo le punte degli asparagi e scorza di limone.

 

 

 

                                                                                                                                              Servizio Dietetico